ACQUARELLO – TOQUINHO (1983)

[youtube onBB4tTzlx0 600 350]
[fblike]Da qualche giorno ho in mente il motivo di questa canzone di Toquinho del 1983, un bel sonetto musicale che voglio riproporre.

“Sopra un foglio di carta
lo vedi il sole e’ giallo
ma se piove due segni di biro
ti danno un ombrello
gli alberi non sono altro
che fiaschi di vino girati
se ci metti due tipi la’ sotto
saranno ubriachi
l’erba e’ sempre verde e se vedi
un punto lontano
non si scappa o e’ il buon dio
o e’ un gabbiano e va….

verso il mare a volare
ed il mare e’ tutto blu
e una nave a navigare
ha una vela non di piu’
ma sott’acqua i pesci
sanno dove andare
dove gli pare non dove vuoi tu
ed il cielo sta a guardare
ed il cielo e’ sempre blu
c’e’ un aereo lassu’ in alto
e l’aereo scende giu’
c’e’ chi a terra lo saluta con la mano
va piano piano fuori da un bar,
chissa’ dove va…

sopra un foglio di carta
lo vedi chi viaggia in un treno
sono tre buoni amici che
mangiano e parlano piano
da un’america all’altra
e’ uno scherzo, ci vuole un secondo
basta fare un bel cerchio
ed ecco che hai tutto il mondo
un ragazzo cammina cammina,
arriva ad un muro
chiude gli occhi un momento
e davanti si vede il futuro gia’
e il futuro e’ un’astronave
che non ha tempo ne’ pieta’
va su marte va dove vuole
niente mai, lo sai, la fermera’
se ci viene incontro non fa rumore,
non chiede amore e non ne da’
continuiamo a suonare,
lavorare in citta’
noi che abbiamo un po’ paura
ma la paura passera’
siamo tutti in ballo,
siamo sul piu’ bello
in un acquarello che scolorira’,
che scolorira’.

sopra un foglio di carta
lo vedi il sole e’ giallo
ma scolorira’
e se piove due segni di biro
ti danno un ombrello
che scolorira’
basta fare un bel cerchio
ed ecco che hai tutto il mondo
che scolorira’”.

[adsense id=”3637220125174754″ slot=”4668915978″ width=”480″ height=”60″]

Comments are closed.