Piaceri (Bertolt Brecht)


“Il primo sguardo dalla finestra al mattino / il vecchio libro ritrovato / volti entusiasti / neve, il mutare delle stagioni / il giornale / il cane / la dialettica / fare la doccia, nuotare / musica antica / scarpe comode / capire / musica moderna / scrivere, piantare /…

Leggi…

Scrivere il curriculum – Wislawa Szymborska

margherita gialla

Il riassunto di una vita ridotta all’essenziale: il curriculum vitae è un pò questo… Da qualche giorno sto leggendo le poesie del premio nobel per la Letteratura 1996 Wislawa Szymborska. Tra le pagine della sua poesia mi è piaciuta tantissimo quella intitolata “Scrivere il curriculum”, un testo ironico, essenziale e…

Leggi…

Una nuova coscienza (G.Gaber)


“Io come uomo
io vedo il mondo
come un deserto di antiche rovine.

Io vedo un uomo
che tocca il fondo
ma forse al peggio
non c’è mai una fine.”

Leggi…

Marc Chagall in mostra a Milano


Finalmente 🙂 ho trovato un attimo per dedicare un post a questa bellissima mostra esposta a Palazzo Reale fino al 1 febbraio 2015, organizzata dal Comune di Milano e dal Gruppo24ore. La biografia di Chagall aiuta tantissimo nella comprensione delle sue opere, che all’inizio possono sembrare ingenuamente allegre, dai toni…

Leggi…

Se questo è un uomo – Primo Levi


[fblike] Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo che lavora nel fango che non conosce pace che lotta per mezzo pane che muore per un si o per un no. Considerate…

Leggi…

La musica di Colapesce


In questi giorni sto ascoltando la musica di Lorenzo Urciullo, in arte Colapesce. Condivido la mia playlist di brani di questo artista siciliano, che proprio come nella leggenda di Colapesce riporta a galla qualcosa di importante, nel suo caso la ricercatezza musicale.

Leggi…

Il valore dell’inutile per Montale


Nella mia vita ho sempre amato fare tante cose diverse: coltivare i miei fiori, tuffarmi nei tecnicismi del web, fare radio, scrivere, fare volontariato, fotografare, provare a fare la maglia, parapendio, insegnare. Alcune di queste continuo a farle, mentre con altre ho smesso. Ieri mi sono soffermata sull’importanza di arricchire la vita con esperienze diverse e variegate tra loro, non per forza legate alla parola “dovere” e “a fine di lucro”. Proprio leggendo Montale, mi sono imbattuta nel suo discorso tenuto in occasione della consegna del Premio Nobel per la Letteratura nel 1975. Ecco cosa dice Eugenio Montale:

Leggi…

Ubriacatevi! (C. Baudelaire)


Bisogna sempre essere ubriachi. Bottiglie di vino artisticheTutto qui: è l’unico problema. Per non sentire l’orribile fardello del Tempo che vi spezza la schiena e vi tiene a terra, dovete ubriacarvi senza tregua. Ma di che cosa? Di vino, poesia o di virtù: come vi pare. Ma ubriacatevi.E se talvolta, sui gradini di un palazzo, sull’erba verde di un fosso, nella tetra solitudine della vostra stanza, vi risvegliate perché l’ebbrezza è diminuita o scomparsa, chiedete al vento, alle stelle, agli uccelli, all’orologi

Leggi…

La Giornata Mondiale della Poesia


Il 21 marzo, prima giornata di primavera, è anche la giornata mondiale della poesia. Il binomio primavera-poesia è proprio bello, considerando che la parola “antologia” etimologicamente vuol dire “raccolta di fiori” ancora di più.
Pablo Neruda ha scritto:”La poesia è sempre un atto di pace. Il poeta nasce dalla pace come il pane nasce dalla farina”(da Confesso che ho vissuto).

Leggi…

Amare il mondo


“Ci impegniamo, noi e non gli altri, unicamente noi e non gli altri, né chi sta in alto, né che sta in basso, né chi crede, né chi non crede. Ci impegniamo: senza pretendere che gli altri si impegnino per noi, senza giudicare chi non si impegna, senza accusare chi…

Leggi…

Per quanto puoi (Konstantinos Kavafis, 1913)

fiori_thailandesi

Κωνσταντίνος Καβάφης è considerato uno dei più importanti poeti greci del novecento, di solito è conosciuto per le sue poesie d’amore. Di seguito invece un testo che ho trovato nella raccolta “Poesie d’amore e della memoria” con testo greco a fronte e traduzione a cura di Paola Maria Minucci (Newton…

Leggi…

Prima del Viaggio – Eugenio Montale (“Satura” 1962-1970)

Eugenio Montale

[fblike]Eugenio MontaleQuesta poesia di Montale è meravigliosa. Ho sentito dire qualche tempo fa da uno scrittore contemporaneo abbastanza noto, che il senso del viaggio è innanzitutto la meta.
La meta è importante sì, ma a me piace di più relazionare il bello di un viaggio, reale o metaforico che sia, non tanto alla Meta

Leggi…

Che cos’è la poesia?


[youtube -Oof-3BRK00 300 200]Su Rai Cultura trovo sempre delle trasmissioni molto interessanti. Dato che oggi è la giornata internazionale della poesia ecco che voglio pubblicare questo video. Mario Soldati pone la fatidica domanda. Provano a rispondere: Giuseppe Ungaretti, Giorgio Caproni, Sandro Penna, Andrea Zanzotto.

Leggi…

La più bella poesia dedicata alle donne


Oggi voglio postare una poesia che Eugenio Montale scrisse per sua moglie, Drusilla Tanzi, scomparsa nel 1963: ” Ho sceso dandoti il braccio almeno milioni di scale”. Penso sia una delle dediche più belle che una donna possa ricevere. Anche se sono passati tanti anni dal giorno in cui fu scritta, penso che sia una di quelle poesie davvero senza tempo.

Leggi…

La Prima Regola


Non calpestare i fiori.
Proteggi i tuoi sogni
e semina il Domani.
Il Passato è Ieri
e l’Importante è Adesso.

Non usare l’arroganza per affermarti.
Non usare il sorriso per ferire.

Leggi…

Pier Paolo Pasolini: che senso ha scrivere?


[youtube zYm_BQdq2Gs 300 200]“Scrivere è una cosa completamente priva di senso. Scrivo per inerzia, perché ho sempre scritto.” Ecco le parole di Pasolini sul senso della scrittura. Mi ricorda la poesia di Franco Fortini “Traducendo Brecht”, che posterò domani.

Leggi…

Si e’ spento oggi un grande poeta del Novecento: Andrea Zanzotto


Sabato scorso avevamo deciso con Pilade di andare a trovare Andrea Zanzotto, nella sua città natale e dove abitava tuttora. Ho stampato come promemoria la gmaps, indicando come partenza Valdagno e destinazione Pieve di Soligo. E’ da giorni che penso ad Andrea Zanzotto, il poeta che mi è stato più vicino negli anni dell’università.

Leggi…

Andrea Zanzotto: I versi nati dall’indignazione


Il grande poeta veneto, che ha festeggiato qualche giorno fa i suoi 90 anni, mostra come ribaltare una lode al creato scritta dai Metastasio in una critica ironica. In questi tempi, dove spesso leggiamo la parola, indignati, indignados, indignazione…fa piacere ascoltare la voce di un uomo come Andrea Zanzotto, che…

Leggi…

Giuseppe Ungaretti: Fratelli


Giuseppe Ungaretti legge la sua poesia “Fratelli” scritta al fronte durante la Prima Guerra Mondiale, e si scaglia contro tutte le guerre e le forme vecchie e nuove di imperialismo.

Quando ascolto Ungaretti mi commuovo. Tutti dovremmo amarlo, conoscerlo…forse saremmo tutti un pò più umani.

Leggi…

L’Albatros (C. Baudelaire)


Sovente, per diletto, i marinai catturano degli albatri, grandi uccelli marini che seguono, indolenti compagni di viaggio, il bastimento scivolante sopra gli abissi amari. Appena li hanno deposti sulle tavole, questi re dell’azzurro, goffi e vergognosi, miseramente trascinano ai loro fianchi le grandi, candide ali, quasi fossero remi.

Leggi…

  • Please follow & like us :)

    Follow by Email
    Facebook0
    LinkedIn
    Instagram
  • RSS Feed sconosciuto