Marc Chagall in mostra a Milano

Finalmente ūüôā ho trovato un attimo per dedicare un post a questa bellissima mostra esposta a Palazzo Reale fino al 1 febbraio 2015, organizzata dal Comune di Milano e dal Gruppo24ore. La biografia di Chagall aiuta tantissimo nella comprensione delle sue opere, che all'inizio possono sembrare ingenuamente allegre, dai toni elementari, onirici e fiabeschi.¬†Provo a sintetizzare le emozioni e i pensieri che la mostra mi ha lasciato, per poi dare spazio a qualche scatto.
Il primo pensiero post-mostra è stato #lastorialasciaisegni:  Chagall ha origini ebraiche, è nato nell'Impero russo (nell'attuale Bielorussia) e in seguito si è trasferito in Francia. Negli anni della giovinezza è costretto, quindi, a subire le politiche discriminatorie dello zar nei confronti degli ebrei russi. Ha vissuto poi la  prima guerra mondiale e la seconda guerra mondiale. Tutti questi eventi generano in lui il perenne desiderio di luce, così le sue opere diventano una sorta di elogio della speranza e del colore, nonostante la negatività e il dramma storico di quegli anni.
Un altro pensiero,sul quale mi sono soffermata, √® stato il concetto dell'#essenzadell'amore: la donna rappresentata nella celebre opera "La Passeggiata"¬†(che √® anche il manifesto della mostra) √® Bella, la moglie¬†di Chagall morta nel¬†1944. Entrambi¬†avevano superato insieme¬†tanti momenti difficili, come la prima guerra mondiale e l'esilio in Francia. La morte di Bella¬†lo distrugge interiormente , tanto da fargli smettere di dipingere per un 1 anno. Nemmeno l'arte riesce piu' a rappresentare un fattore di catarsi¬†e di luce. Col passare degli anni Chagall esce dalla depressione, risposandosi con¬†Vave Brodsky, anch'ella di origine russa ed ebrea, che gli sar√† vicino fino alla fine. Da questo momento incomincia il periodo di rinascita di Chagall, che lavora attorno ad una serie di dipinti sul messaggio biblico, tra questi il Cantico dei Cantici, dove compare¬†un'unica citt√† ideale, la citt√† eterna rappresentata da una Gerusalemme, dove non esiste pi√Ļ guerra, sofferenza e dolore.

Ecco il link della mostra:¬†http://www.mostrachagall.it/; #Chagallmi2014;¬†Luned√¨:¬†14.30‚Äď19.30;¬†Marted√¨, mercoled√¨, venerd√¨ e domenica:¬†9.30-19.30;¬†Gioved√¨ e sabato:¬†9.30-22.30;¬†Biglietto ‚ā¨ 12,00: biglietto di ingresso ridotto ‚ā¨ 10,00; prevendita ‚ā¨ 2

I commenti sono chiusi.

  • Please follow & like us :)

    Follow by Email
    Facebook0
    LinkedIn
    Instagram
  • RSS Feed sconosciuto